Scopriamo l’indicatore SuperTrend

Il trading online è impegnativo ed è per questo che dobbiamo fare di tutto per non complicarci la vita!

Mi è capitato di andare a trovare amici e parlare di trading con loro. Quando mi hanno mostrato la loro piattaforma online, ho strabuzzato gli occhi! Tra medie mobili, trend line ovunque e innumerevoli altri indicatori facevo fatica a individuare dove fosse il prezzo!

Oggi vi parlo di un indicatore davvero semplice da usare e che vi permetterà di avere un comfort visivo notevole, il Supertrend! Lo faccio con la premessa che non è il Sacro Graal, ma vi aiuterà a capire che nel trading conta non tanto essere dalla parte giusta, quanto non essere dalla parte sbagliata!



Che cos’è e come funziona

Il SuperTrend è un indicatore sviluppato da Oliver Seban ed ha il grande pregio di funzionare su qualsiasi scala temporale e pressoché su tutti gli strumenti finanziari.

Possiamo infatti applicarlo alle azioni, agli indici e anche al mercato forex, utilizzando un time frame che va dal più basso a 1 minuto per una operatività di brevissimo termine, fino al settimanale per il trading di lungo periodo.

Il Supertrend è calcolato a partire da un coefficiente applicato alla volatilità media del periodo preso in considerazione. Il consiglio è quello di utilizzare i coefficienti standard, 3 e 10 rispettivamente, per il coefficiente moltiplicatore e per il periodo.

Come potete vedere dall’immagine, il Supertrend presenta una colorazione verde in presenza di un trend long e, naturalmente, una colorazione rossa in rossa in caso di trend short.


Il supertrend è semplice: rosso vendi, verde compri

Un esempio concreto di strategia

Supponiamo di voler fare trading sul grafico in figura, ovvero il Nasdaq impostato su time frame 3 minuti. Ci sono 2 possibilità di operare che, volendo, si possono adottare simultaneamente.
Quando la colorazione passa dal rosso al verde, cioè quando il prezzo rompe il tetto del Supertrend colorato in rosso, si entra Long. Il long è valido finché non verrà rotto il pavimento verde, che genererà a sua volta un segnale short.
Per ottenere un punto di ingresso migliore (e quindi uno stop loss inferiore nel caso ci vada contro) non entrate long o short alla rottura, ma aspettate che il tetto o pavimento venga avvicinato (ma non superato). Un’altra possibilità è quella di smezzare l’ingresso, metà alla rottura e metà all’eventuale tocco del tetto/pavimento: in questo modo, possiamo evitare che il prezzo scappi senza di noi!
Se, invece, optate per la prudenza, sappiate che io sono dalla vostra parte! I segnali arrivano costantemente, perciò perso un treno ne arriverà subito un altro!

Vi consiglio, almeno all’inizio, di utilizzare il SuperTrend su un time frame lungo, in quanto ridurrete drasticamente il numero di possibili falsi segnali. Buon trading a tutti!

Leave a comment